venerdì 24 marzo 2017

Folfiri o Folfox tour_ Afterhours @Napoli

Ne ho visti tanti, come Rocco di patate (o forse non così tanti), di concerti degli Afterhours.
Eppure nessuno, e dico nessuno, che sia stato così, nel senso buono, potente, violento ed aggressivo.
Una casa della musica, quella di Napoli, che è letteralmente esplosa di musica ed energia.









Né pani né pesci - Ballata per la mia piccola iena - San Miguel - Musa di nessuno - Non voglio ritrovare il tuo nome - Ti cambia il sapore - Costruire per distruggere - La tempesta è in arrivo - Male di miele - La verità che ricordavo - Bye Bye Bombay - Padania - La vedova bianca - Ci sono molti modi - Quello che non c’è

sono solo alcune delle bombe assordanti lanciate ieri sera, in una guerra di suoni ed emozioni.

Fuori da tutti gli schemi e dalle abitudini, tutto assume una connotazione più forte, come una pagina di un libro che sottolineiamo con forza anche dopo averla letta tante volte. Come un testo che già conosciamo, ed in effetti lo conosciamo tutti a memoria, che all'improvviso diventa importante, che va urlato, che va riscritto a caratteri cubitali.

Ci colpisce, ci investe, ci travolge, ci riempie. E' il dono della musica. 

Manuel e Rodrigo dominano la mia attenzione, come Nick Cave e Warren Ellis. 
E l'intro dei dirty three, in effetti, lasciava presagire grandi cose.
Richiesta preparazione atletica e psicofisica per assorbire e per ascoltare, per sostenere consapevolmente il rumore, che è sempre fuori, ma soprattutto dentro di noi.

L'ultima volta, pensavo che sarebbe stata l'ultima volta. Non era vero. 
La musica nella vita non è mai superflua, non è mai veramente lontana, ma soprattutto non è mai  abbastanza!

martedì 21 marzo 2017

#trentacoglione #0_ la leggenda


I coglioni, narra la leggenda, dovrebbero essere solo due.

Eppure, ahimè, studi scientifici dimostrano che non due, bensì cinque o sei trenatacoglioni, almeno, si annidano sulle dita di ogni fanciulla che abbia voglia di contare, così, nel tempo libero, le proprie delusioni davanti ad una cioccolata calda ed un paio di pancakes. 

Mia nonna, dal canto suo, soleva sempre raccontarmi che ai suoi tempi, finita da poco la guerra, non ci fosse un gran numero di giovani disponibili ad ammogliarsi. Tuttavia, ella era riuscita, anche pescando in una ristretta gamma di partiti, a ben scegliersi un marito figo, nonché più giovane di lei.

Oggi, malgrado la moltiplicazione di pani e pesci e l'assenza di catastrofi pregresse vicine nel tempo, si riscontra egualmente una carestia di uomini.

Avere trent'anni non rappresenta più un traguardo di maturità e consapevolezza. Si potrebbe altresì dire che "trent'anni is the new black": un buco nero in cui gli uomini si annidano come pipistrelli a testa in giù, di modo che le loro due teste, quella appoggiata sul collo (vuota, per cui leggera) e quella di cazzo, si confondano irrimediabilmente.

cos'altro aggiungere? direi che sono tempi duri! ...almeno i tempi! 

CL